Punto nel Mondo

 

Tunisia

La Repubblica Tunisina, o Tunisia, è uno Stato del Nordafrica bagnato dal mar Mediterraneo e confinante con l'Algeria ad ovest e la Libia a sud e a est. Si ritiene che il suo nome, Tunus, abbia origine dalla lingua berbera, con il significato di promontorio, o, più probabilmente, "luogo in cui passare la notte"

Tunisia, il mareLa Tunisia è il più orientale e più piccolo dei tre Stati disposti lungo la catena montuosa dell'Atlante. È anche uno degli Stati del Maghreb, come la Mauritania, il Marocco, l'Algeria e la Libia. La sua capitale, eccentrica rispetto al resto del territorio nazionale, è Tunisi, nel nord del paese.
Il 40% della sua superficie è occupato dal deserto del Sahara, mentre gran parte del territorio restante è composta da terreno particolarmente fertile e circa 1.300 km di coste facilmente accessibili. Entrambi questi fattori giocarono un ruolo importante in epoca antica, prima con la fondazione della famosa città fenicia di Cartagine, e successivamente con l'istituzione della provincia romana dell'Africa, quando divenne il granaio dell'Impero Romano.

Tunisia, il desertoIl paese possiede una rete idrografica scarsamente sviluppata. Il fiume Medjerda, lungo 365 km, nasce in Algeria ma si snoda per ¾ del suo percorso in territorio tunisino prima di sfociare a nord di Tunisi. Nella fertile vallata della Medjerda si concentrano le attività agricole del paese. Unico bacino lacustre di rilievo è il lago di Biserta. Il clima si presenta mediterraneo sulle coste, con inverni miti e umidi ed estati calde e secche, mentre è di tipo semi-desertico o desertico nell'interno, con temperature estive molto elevate e precipitazioni scarse. La calura estiva è comunque limitata dalle brezze marine (solo sulle coste), mentre quando il vento (ghibli) soffia dal deserto, la temperatura può diventare opprimente.
In Tunisia ci sono 9.600.000 abitanti, per la maggiaranza arabi; ci sono tuttavia anche minoranze berbere e europee.
La maggioranza (il 98%) dell'odierna popolazione tunisina è di origine araba. Esiste comunque ancora una esigua rappresentanza di popolazione di origine berbera (1%) che si trova nel sud est del paese, sulle montagne Jabal Dahar, e sull'isola di Jerba. Altre popolazioni che si trovano nel paese sono di origine ebraica, concentrate per lo più a Tunisi e Jerba, ridottasi molto dal momento in cui il paese ha ottenuto l'indipendenza dalla Francia.
La maggior parte della popolazione parla arabo. Molto parlato è anche il francese, soprattutto nelle città; in alcune località del sud e dell'isola di Djerba è ancora parlato il berbero.
Circa il 98% della popolazione è di religione musulmana. Oltre alla minoranza di fede ebraica 1%, è presente anche una piccola componente di credenti di fede cristiana 1%, per lo più discendenti di coloni francesi ed italiani.
La Tunisia è stata abitata fin dalla preistoria: la presenza umana è documentata fin dal paleolitico. I suoi primi abitanti noti furono tribù berbere. Sintetizzando millenni di storia tunisina bisogna ricordare lo scontro fra le due etnie dei berberi sedentari e degli arabi nomadi, avvenuto fra il XII e il XIV secolo. Il rapporto fra queste due culture, sul piano del potere politico, è stato sempre squilibrato a favore della cultura sedentaria. I berberi sono tuttora una piccola minoranza di 50.000 persone. Nel 814 a.C. fu fondata Cartagine per mano dei fenici; dopo le Guerre Puniche Cartagine passò sotto la conquista romana, dove conobbe un periodo di grande prosperità: si sviluppano l' agricoltura e l'urbanizzazione.
[ wikipedia ]